Anche le pecore possono skateare

[…] I cinesi credono che la fortuna sorrida alla Pecora perché ha indole pura e buon cuore.  L’etimologia della parola nel mondo occidentale sarebbe da ricercare nel verbo προ-βαίνωpro-baínoandare avanti. […]

sembrava una mattina come tutte le altre quella di ieri. I ragazzi del Bunker avevano iniziato a pulire il park per l’apertura della scuola skate quando all’improvviso dei rumori non meglio identificati li hanno distratti dalle loro azioni: un vasto gregge di pecore aveva avuto la splendida idea di fare una gita allo skatepark.

Proprio così. Un gregge di pecore bussava alla porta per entrare. Dopo i primi momenti di confusione (devono mettere le protezioni e fare la tessera ASI???) i ragazzi hanno preso in mano la situazione e impedito alle pecore di scappare sconsolate su Viale Kant.

Con l’indole bucolica che li contraddistingue hanno governato il gregge mentre rintracciavano con l’aiuto di polizia, carabinieri, protezione civile e chi più ne ha più ne metta il Pastore abbandonato, Paride.

Paride è stato felice di ritrovare le sue pecore e soprattutto di ritrovarle in uno skatepark piuttosto che sotto un autobus.

Noi siamo stati felici di aver conosciuto Paride e le pecore e speriamo che presto realizzi la linea di minipecorini a forma di ruota di skate.

La cacca delle pecore concimerà il nostro prato e ci porterà tanta fortuna come dicono i cinesi.

E noi, credendo all’etimologia, continuiamo ad andare avanti…

Roma è veramente sorprendente, onirica e contraddittoria. Come noi del resto. E le pecore.

 

 

Comments are closed.